giovedì 22 novembre 2012

Densità delle parole usate per collegamenti

All’inizio del mese di Novembre l’soggetto della nostra smisurata l’attenzione, cioè Google, si ha dato da fare ed ha rivisto i pagerank e ci ha fatto vedere i nuovi valori. Sono andato piuttosto bene: 16 siti con PR5. Sono un genio! Nell’ultimo lasso di tempo lavoravo faticosamente creando i nuovi collegamenti e l’esito è risultato positivo, almeno per quanto riguarda questo criterio. Purtroppo, ed è successo lo stesso anche ad Agosto quest’anno, il mio posizionamento non rispecchiava questo buon andamento, anzi. Ma penso finalmente di aver capito dove è la rogna per un bel po’ dei miei siti.

Tutti gli interventi intrapresi ultimamente non hanno dato una certezza sulla loro bontà perché le acque non si smovevano e io non riuscivo a convogliare tanto desiderato traffico dai motori di ricerca. Continuavo con le prove, verifiche e controlli, ma anche con la ricerca nei forum. E penso di aver capito finalmente dove si trova la causa dei miei guai. Per dire la verità il concetto lo conoscevo già, ma mi mancavano i parametri.

Con l’aggiornamento di Panda (comincio a odiare ‘sto animale, piccolo, brutto e pigro) dell’Aprile 2012, Google ha introdotto le penalizzazioni per i siti troppo ottimizzati. Esiste l’ottimizzazione interna e quella esterna allo stesso sito. Quella interna si riferisce prevalentemente alla concentrazione delle keyword sulla pagina, mentre quella esterna è vista come la densità delle parole chiavi con le quali è linkata la pagina in questione. Immagino che il concetto è il seguente:
  • Diciamo che il limita accettato è del 4%; se si va oltre scatta subito una penalizzazione. Google divide l’effettiva percentuale con il limite e così ottiene il coefficiente dell’ottimizzazione interna. Il massimo è 1.
  • Su tette le parole chiavi con le quali è linkato il sito si trova la percentuale. Supponendo che tutti i link usano una keyword sola, si arriva al 100%. Dividendo con il limite fisico, cioè il 100%, si ottiene in questo caso un fattore di ottimizzazione esterna par a 1. Sembrerebbe che superando il valore di 0,5 (cioè il 50% - prima consideravo il 70%) scatta una punizione automatica relativa a questa voce sola.

Inoltre, quando si moltiplicano o sommano questi due valori si ottiene un numero unitario della pagina. Se questo numero supera un certo limite, del quale non ho la più pallida idea, scatta la punizione e la pagina arretra nel piazzamento. Il mio problemino sono backlinks e sto cercando di diluire la densità degli stessi.

A volte uno non è proprio sicuro se gli è stata inflitta una pena, oppure gli altri hanno operato meglio e per questo si trovano davanti. Un aiuto per comprendere la situazione è consultare il sito googleminusgoogle.com, dalla quale l’esistenza ho scoperto da poco. E’ un ramo di Google che non applica Panda. Se la il vostro sito qui fosse molto più avanzato nella classifica rispetto a Google stesso, potete essere quasi certi che siete penalizzati.

lunedì 21 maggio 2012

Aggiornamenti continui

Nella mia elucubrazione mentale precedente vi ho descritto i miei problemi con un mio sito mal visto da Google. Sono passati 6 mesi da quando ho messo a disposizione dei miei visitatori un freeware, arricchendo il contenuto ed il servizio offerto, sperando in questo modo di migliorare l’immagine del sito negli occhi degli ispettori, ma per adesso nessun miglioramento. In effetti non ho un modo di capire se qualcuno ha controllato il contenuto e di forzare una verifica. Nel frattempo anche un altro mio sito ha subito un peggioramento: da un’abituale seconda o terza posizione in prima pagina dei risultati di ricerca, sono sceso prima al quinto e dopo al sesto posto. Con questo cambiamento sono corso giù da quasi 1000 visitatori provenienti da Google a giorno a circa 300: pessimo e molto scoraggiante. Mi sono messo ancora a studiare e una delle indicazioni principali che ho trovato è di avere un sito dinamico, che cambia spesso i contenuti e che si aggiorna in continuazione.

Ma io non sono un webmaster di professione e stare dietro quotidianamente a questo lavoro non mi va per la pigrizia e anche per la mancanza del tempo libero. Ho riflettuto bene sul problema cercando una soluzione leggere, per me e mi è venuta. Sulla pagina iniziale del sito ho inserito un SSI (server side included) al quale ho associato un programmino in Perl che quotidianamente mi cambia un paragrafo della pagina. Ho impostato un file di testo dove ogni riga è un capoverso e quando trovo un po’ di voglia arricchisco questo file in modo di avere un contenuto più ricco e meno ripetitivo. In questo modo, il foglio dell’inizio è tutti giorni diverso, anche se il contenuto si ripete dopo un po’ perché per adesso ho preparato soltanto 9 sezioni. Questo ha anche un altro scopo, di far visitare la mia pagina più spesso dal robot e di avere nel cache del Google sempre la pagina molto fresca.

Ho introdotto questa novità da una ventina di giorni e per ora non c’è una conseguenza concreta e sto per fare un'altra modifica. Me ne sono accorto anche che la distribuzione delle mie parole chiavi non è sempre uniforme nel testo, cioè un po’ all’inizio, alla metà e alla fine del contenuto, come consigliato dai maggior esperti del settore. Pertanto mi tocca un bel lavoro per ovviare a questo difetto. Ultimamente ho trovato anche un’altra informazione che potrebbe essere preziosa. Un po’ di anni fa un minimo di testo necessario per essere ben visti era di circa 200 parole. Questa quantità nel frattempo è aumentata e io cerco di tenere i miei contenuti a circa 500, anche 600 parole. Ma alcune fonti sostengono che la cifra giusta è diventata 900 voci, o addirittura 1200.

Personalmente mi sembra una forzatura in quanto la quantità spesso va a scapito della qualità. Perdersi nei meandri linguistici per dire che il bianco e l’opposto del nero è inutile, ma se il signor cercatore lo vuole, o meglio, se si presume che ha questi desideri, i cercherò di accontentarlo. Anche questo presuppone un bel po’ di lavoro e tempo impiegato, pertanto ci scelgo due tre siti e ci provo per verificare l’effettiva utilità di questo parametro. Si vede anche da questo post che sto forzando il linguaggio per allungalo; un po’ di allenamento per il compito più generale che mi aspetta.

Qui da noi, in Italia, stanno succedendo delle cose brutte: l’altro ieri è successo un attentato in una scuola mentre ieri c’era il terremoto in Emilia. Le cose bruttissime che ha volte ti fanno perdere la voglia di fare, di andare avanti, di innovare. Ti chiedi a cosa serve tutto ‘sto duro lavoro se domani il mondo si può capovolgere e finire sulla tua testa. Dopo passano tre, quattro giorni e si inizia a tornare nella normalità, o forse meglio chiamarla la monotonia. Un continuo combattimento con una cosa virtuale, che non esiste fisicamente, che è soltanto un codice, due miseri byte che stai cercando di capire e scoprire.

mercoledì 18 gennaio 2012

Sito inutile

Da anni che faccio il webmaster, ma non ho mai fatto degli investimenti in questo affare. Uniche spese che ho sono due hosting provider ed i miei molteplici domini. Avrei sicuramente il costo del computer stesso con il collegamento ad Internet anche senza fare questo mestiere. Mai comprato i link, che molti fanno, mai investito in una compagna SEO, oppure una promozionale. Ma due anni fa mi sono stati offerti 50 euro da Google AdWord per provare il loro programma di pubblicità. Visto che era un’offerta ho deciso di provare, di allargare i miei orizzonti. Una volta iscrittomi nel programma mi hanno chiesto di aggiungere i miei 5 euro e ho fatto questo piccolo sacrificio.

Ho inserito nella campagna di promozione il mio sito Forex e ho seguito i risultati. Niente! Nulla! Ho avuto un po’ di visitatori, un po’ dai vari siti che usano AdSense e prestano il loro spazio alla pubblicità e un po’ direttamente da Google, ma il risultato finanziario era nullo. Pensavo di poter investire, non so, 1000 euro e ricevere 1500, cioè avere un capitale con interessi, ma questa prova è stata del tutto negativa. L’anno scorso, tornato dalle ferie ho trovato un'altra promozione di Google che mi regalava 100 euro e senza alcuna aggiunta da parte mia. Visto che è del tutto gratuito, sarebbe stupido non riprovare. Ma questa volta ho scelto una tattica diversa: non pubblicizzavo il mio sito, ma direttamente il mio sponsor. Ho inserito il mio codice promozionale direttamente in AdWord e mi sono messo a seguire il risultato. Molto speranzoso, devo dire, perché l’idea mi sembrava molto buona. Perché far passare un potenziale cliente per il mio sito se può andare direttamente dallo sponsor.

Le statistiche che metta a disposizione il mio sponsor sono abbastanza dettagliate e riesco a vedere da dove proviene il traffico. Ed i visitatori sono venuti e tutto combaciava molto bene con le statistiche che mi forniva AdWord: si sa che noi affiliati siamo un po’ increduli sulla correttezza di quelli che ci pagano e di quelli che paghiamo noi per certi servizi, ma in questo caso tutto perfetto. Tranne la cosa principale: investiti 100 euro, che meno male non erano miei, guadagnati 0 centesimi. Ho sentito che c’è gente che riesce a guadagnare in questo modo, ma a me è andata proprio male. Perché la cosa non funziona, almeno con i servizi che promuovo io, oppure ho commesso degli errori per la mia ignoranza. Ma ho acquisito una nuova esperienza, anzi due.

Mentre la campagna era in corso, ho avuto una comunicazione da parte dello staff di AdWord che si riferiva al mio sito, che era presente nel account da due anni fa, ma era inattivo nella campagna attuale. Semplicemente mi hanno detto che il mio sito era inutile, perché non dava informazioni utili ai visitatori e avevo soltanto pochi sponsor, cioè il visitatore non aveva molta scelta dove iscriversi per commerciare con le valute. Mi hanno dato anche un indirizzo con due esempi di utilità/inutilità dei due siti simili.

Brutta faccenda confermata anche dal fatto che un mesetto prima il mio sito è uscito dalla prima pagina dei risultati di ricerca e finito sulla quarta. Non sapevo cosa fare, come renderlo “utile” dal punto di vista del signor G. Ovviamente il verificatore umano non ha sfogliato bene le pagine ed esaminato dettagliatamente il contenuto, perché ci sono delle cose che non si trovano altrove. Avevo bisogno di qualcosa visibile, che faccia rendere conto all’ ”ispettore” a prima vista che c’è qualcosa che è valido ed originale per un internauta. Ci ho messo un po’ di tempo per arrivarci: ho creato un software Forex gratis che segue il trend delle valute e che i visitatori possono scaricare gratuitamente. Ci ho messo due settimane di lavoro e spero che questo lavoro sia pagato in termine di utilità. Non mi resta che aspettare i futuri sviluppi.